Domenica 26 Aprile 10 Maggio

I FORTI DI GENOVA

 

A partire dall’assedio del 1747 i genovesi hanno costruito una serie di forti a protezione della cinta muraria esterna. Noi porteremo l’attenzione a quelli sul crinale tra la valle del Polcevera e quella del Bisagno.

L’idea è quella di muoverci per tempo la mattina in treno (non troppo presto però). Arrivare a Genova e prendere da li’ il trenino o la funicolare che ci porti in quota. Da lì con una tranquilla camminata tornare a Genova. Se saremo abbastanza potremmo anche prenderci una guida che apri appositamente per noi i forti visitabili. Pranzo al sacco, ma verranno perdonati quelli che integreranno il vitto con cibi locali.

Naturalmente sarà un’ottima occasione per parlare dei soliti viaggi passati, presenti e futuri, ma anche per aumentare la conoscenza di questa nostra Italia, dove è sempre piacevole tornare dopo i nostri viaggi.

Chi volesse aderire mandi un e-mail o chiami

Guido Platania  gp@helponline.it - Cell. 334/6975885

E’ UNA GITA TRA AMICI, SENZA QUOTA DI PARTECIPAZIONE, IL PERCORSO INDICATO E’ QUELLO PROPOSTO DALLA FERROVIA LOCALE, MA CIASCUNO E’ LIBERO DI FARE IL PERCORSO DESIDERATO. GLI ORARI SONO, OVVIAMENTE INDICATIVI

Programma di massima

Mezzi

In treno

Ritrovo Stazione Centrale davanti allo sportello  alle 7.55

Partenza Interregionale 8.20

Arrivo Genova 10.15

Si sale dalla ferrovia Genova-Casella e si torna dalla funicolare

Si riparte verso .e 18.00

 I tratti in Genova si rpevede di percorrerli in bus locali.

 

Spesa prevista

Biglietto IR andata/ritorno

Biglietto Funicolare

Biglietto ferrovia ritorno

Circa 25 €, possibilità di sconti comitive

Pranzo al sacco

 

 

Qui di seguito c’è un estratto dal sito:

www.ferroviagenovacasella.it/il_percorso/I_Forti.html

La ferrovia Genova-Casella è una piccola ferrovia a scartamento ridotto che ricorda il vecchio gambadelegn milanese

 

Gita ai Forti di Genova attraverso il Parco Urbano delle Mura. Occorre scendere alla stazione di Campi, quindi salire a piedi lungo il crinale spartiacque sino al Forte Diamante (30 minuti circa). L'itinerario che porta al Forte Diamante, è provvisto di numerose segnalazioni ad opera del Cai: risalendo lungo il lato destro della Val Bisagno tra boschi di pini si prosegue fino al Colle del Diamante percorrendo una strada lastricata lungo una serie di tornanti che portano al Forte.
La costruzione di Forte Diamante, risale al periodo compreso tra il 1756 e il 1758, posto in posizione sicuramente dominante è costituito da bastioni a forma stellare; fu la prima opera difensiva della città di Genova contro gli assedi provenienti dal nord e fu protagonista nel 1800 di un famoso attacco da parte dell'esercito austriaco alle truppe napoleoniche.
Il declino del Forte ebbe inizio alla fine dell'800 quando pian piano venne scemando la sua importanza strategica.
Da Forte Diamante si può percorrere tornando verso Genova l'intero giro dei forti, incontrando il Forte Fratello Maggiore dal quale un sentiero porta al Forte Fratello Minore in posizione dominante sulla Val Polcevera.
Proseguendo dal Fratello Maggiore il successivo incontro è con Forte Puin edificato in epoca coeva ai due Fratelli (XVIII secolo), costituito da una torre a base quadrata circondata da bastioni a forma di stella.
E' il più piccolo dei forti genovesi e nel 1963 fu dato in concessione ad un privato che lo restaurò utilizzandolo per anni come abitazione privata, oggi il forte costituisce punto d'incontro per escursionisti e gruppi scolastici.
Proseguendo verso le altre fortezze Sperone e Castellaccio si può raggiungere la Funicolare del Righi. Da forte Diamante o dal Fratello Minore si può ridiscendere a Campi per il viaggio di ritorno a Genova oppure per la prosecuzione della gita verso Casella.

I Forti Puin e Diamante          Il Forte Diamante    

Per visite guidate contattare

la Cooperativa Dafne, Tel.010/2473925

Campi-Genova diretta: 3 ore

 Campi-Genova via Forti Diamante, Fratello Minore, Puin e Sperone: 4 ore

LINK: 

http://www.comune.genova.it/turismo/scolastico/ved_spen/e9.htm

Campi-Genova diretta: 3 ore

 Campi-Genova via Forti Diamante, Fratello Minore, Puin e Sperone: 4 ore

LINK

Il Parco Urbano delle Mura

Adagiato lungo i crinali che separano la Valpolcevera dalla Val Bisagno sulle colline alle spalle di Genova, rappresenta con i suoi 876 ettari il più vasto polmone verde della città. Dai colli del Parco lo sguardo spazia dal promontorio di Portofino fino a Capo Noli, dal Santuario della Madonna della Guardia al Monte Antola e ai Forti della Val Bisagno. Le Mura seicentesche, a forma di V aperta verso il mare, racchiudevano la città. I Forti Diamante, i due Fratelli, Puin, Sperone, Begato, Castellaccio, Tenaglia, Crocetta-, costruiti tra il XVIII e il XIX secolo, rappresentavano uno dei sistemi fortilizi più vasti d'Europa. Il Parco comprende oggi le maggiori strutture storico-architettoniche del complesso e vaste tracce di fortificazioni campali All'interno del Parco sono presenti diversi punti di ristoro e due percorsi ginnici, di cui uno ha inizio nei pressi del la Casetta Rossa, sulla sinistra lungo la strada per forte Sperone, l'altro in prossimità del capolinea AMT dell'autolinea 40.

E9: Il Sistema dei Forti : Begato, Sperone, Puin, Diamante, Fratello Minore

Forte Begato
Edificato tra il 1819 e il 1823, dal Genio militare sabaudo poteva alloggiare 840 soldati e 41.000 kg. di minizioni nella polveriera. Attualmente è in fase di restauro: saranno allestiti un museo sulla storia delle fortificazioni genovesi, una scuola dello sport, una di musica e un centro di monitoraggio e salvaguardia del territorio. Visite guidate e attività ludiche

 Forte Sperone
Punto chiave delle fortificazioni genovesi ottocentesche, è situato al vertice delle "Mura Nuove" del 1630. L'architettura è molto eterogenea: il suo ingresso sovrastato dallo stemma dei Savoia è protetto da un fossato e da un portone robusto. Da notare la polveriera nella parte bassa, la caserma centrale e la bella cappelletta annessa. Nelle giornate limpide il panorama è splendido: Val Polcevera, Val Bisagno e tratto appenninico dal Parco del Monte Beigua fino all'Antola. In estate il forte ospita numerosi spettacoli.

 

Forte Puin
Realizzato nel 1828 dal Genio militare sabaudo è uno dei forti meglio conservati. Si trova in un punto molto panoramico, domina tutto il parco delle Mura e funziona come rifugio durante alcune visite guidate. Il Comune di Genova lo utilizza da alcuni anni per l'avvistamento degli incendi.

 Forte Diamante
Molto caratteristico, risale al 1758 ed è a circa 667 metri di altezza.Domina sulla Val Polcevera e Val Bisagno. Fu il primo baluardo difensivo della città contro le incursioni provenienti da nord. Visitabile solo con una guida del Comune.

 

Fratello Minore
Situato sulla vetta del monte Spino, a circa 600 m. di altezza. Costruzione iniziata dal francese De Sicre nel 1747 circa, ultimata dal Genio militare sabaudo nel 1832. Sorge sulla direttrice di itinerari che dal centro del Parco delle Mura conducono agli abitati di Begato e Geminiano.